eracle srl

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.


Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
PDFE-mail
D'Istruzioni per l'usoDa parte di padre

DA CEFALONIA A BUDAPEST
Visualizza Ingrandimento


Sándor Benjamin Tarian

DA CEFALONIA A BUDAPEST

Prezzo per Unità (pezzi): €16.00

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto

Formato: 15x21 cm
Rilegatura: brossura
Pagine: 190


per saperne di più

Finita la seconda guerra mondiale, un militare italiano ritorna dalla prigionia nei Lager nazisti, ma è trattato da tutti, se non con indifferenza, come un perdente; su di lui ricade la colpa di aver perso la guerra e, in primo luogo, di essere stati dalla parte sbagliata.

Francesco è reduce dell'eccidio di Cefalonia, dei Lager e della marcia della morte, tra Sachsenhausen e Mauthausen, ed è tormentato da continui incubi e immagini tragiche di quelle esperienze, che rendono la sua vita psicologicamente sofferente e instabile.
Il padre, che lo ritiene un comunista, lo caccia da casa; gli amici ex partigiani lo umiliano e si prendono gioco di lui, ma un giorno incontra un vagabondo, Ladislao, un anziano nobile ungherese, rovinato dagli avvenimenti della guerra, con il quale nasce una profonda amicizia, e che lo aiuta a riprendersi.

Passati alcuni anni, il nobile ungherese gli presenta una sua connazionale, Irene: è amore immediato.
Per Irene e Francesco pare andare tutto bene, nasce anche un bambino; ma nell'autunno del 1956 lei vuole partire alla ricerca di sua madre a Budapest, e Francesco, con l'amico Ladislao, la seguono.
Senza volerlo si trovano coinvolti nei moti rivoluzionari, Francesco si avvale dell'esperienza maturata in guerra per aiutare i rivoltosi, ma la fine sarà tragica.
 






Recensioni Clienti:

Phoevis  (giovedì, 14 settembre 2017)
Valutazione: 5
Una storia in cui emerge tutta la dimensione umana di chi non solo ha vissuto il trauma della guerra e anche dei lager, ma anche di un ritorno a casa
tanto agognato quanto diverso da come ci si aspetterebbe. Da leggere
stenren  (mercoledì, 19 luglio 2017)
Valutazione: 5
Storia avvincente e originale, con intrecci e risvolti inaspettati. Uno sguardo sulla guerra e sul suo significato umano. Lo consiglio!




LIBERIAMO LA POESIA!

Inviaci la tua raccolta
  potresti ricevere una nostra proposta di pubblicazione gratuita
Una sfida per te e per il mondo della poesia
clicca qui per info
 Un libro pubblicato è un PRODOTTO

Login


Edizioni Eracle sostiene la fondazione Onlus di don Luigi Merola

clicca qui per saperne di più